In 10 anni aiutiamo le aziende a raggiungere i loro obiettivi finanziari e di branding. Onum è un'agenzia SEO basata sui valori dedicata.

CONTATTI
Interviste

ISPIRAZIONE ECOMMERCE: ABBIAMO PUBBLICATO UNA IMMAGINE CHE DICE "MOSTRA IL TUO ORGOGLIO PORTLAND" SU INSTAGRAM E QUEL GIORNO ABBIAMO FATTO $ 5000 DI VENDITE. DA QUEL PUNTO IN POI, ABBIAMO CAPITO DI AVERE QUALCOSA DI BUONO.

Portland Gear

"Per quanto possa sembrare sciocco, molte volte pensiamo a noi stessi come a un marchio di eventi / community che vende abbigliamento. Cerchiamo sempre di organizzare eventi gratuiti, far sentire le persone benvenute e partecipare al maggior numero possibile di eventi in città. "

introduzione

Al ConveyThis, siamo ossessionati dall'aiutare le aziende di e-commerce a crescere. Lo facciamo in un paio di modi diversi. Innanzitutto, aiutiamo le aziende a raggiungere i mercati internazionali con il nostro strumento di traduzione di siti Web per piattaforme popolari come WordPress, Shopify e BigCommerce (per citarci solo alcuni esempi).

In secondo luogo, lavoriamo duramente per educare i proprietari di negozi di e-commerce su una vasta gamma di argomenti relativi alla gestione di un'azienda di e-commerce di successo. Di tanto in tanto, intervistiamo i leader nello spazio di crescita dell'e-commerce per il nostro blog , sulle loro esperienze nel ridimensionare i loro negozi online.

Oggi, ConveyThis avuto l'opportunità di chattare con Eli Abramovitz, il secondo responsabile di Portland Gear e il capo delle operazioni. Eli e il fondatore Marcus Harvey hanno iniziato come un team di due persone. Oggi, sono diventati un periodo di base di 6, con altri 8 dipendenti al dettaglio e ora hanno 3 negozi attraverso l'area di Portland.

Tuttavia, tutto è iniziato online con un account Instagram appena acquistato e un piccolo negozio di e-commerce. Facciamo un salto e impariamo a conoscere il viaggio di Portland Gear.

L'intervista

Grazie per essere stato con noi oggi. Per aiutarci a dare il via all'intervista, puoi dirci qualcosa di più su come è nato Portland Gear?

Ovviamente! Tutto è iniziato quando Marcus Harvey (proprietario) ha acquistato l'handle di Instagram @portland da un padre di Portland, nel Maine, all'inizio del 2014. Stava solo postando le foto di sua figlia e Marcus ha visto il potenziale per la pagina. All'epoca era piuttosto folle perché questo era prima che gli influencer o le aziende iniziassero davvero a utilizzare l'app (strano a pensarci, lo so). In 6 mesi, ha rapidamente ampliato la pagina fino a 60k follower e ha visto quanto fosse grande l'amore per la città. Sebbene Portland abbia i Blazers, i Timbers e i Thorns, non abbiamo altre squadre o loghi che siano sinonimo di città come LA, NY o SF. Portland aveva bisogno di un logo che rappresentasse la città. Avendo un background in abbigliamento e design, Marcus ha visto un'enorme opportunità. Il nostro iconico logo "P" con lo stato dell'Oregon al suo interno è nato e il Black Friday del 2014, abbiamo lanciato la nostra classica "P" Tee and Rise Tee sulla pagina @portland. Abbiamo pubblicato una foto che diceva: "Mostra il tuo orgoglio a Portland con @portlandgear" e quel giorno abbiamo fatto 5.000 dollari di vendite. Da quel momento in poi ci siamo resi conto di avere qualcosa di buono.

Mostra attraverso il tuo marchio che hai un vero amore per lo sport e la vita all'aria aperta. Questa era la tua immagine fuori dai cancelli o l'immagine del marchio si è evoluta nel tempo?

Siamo stati ispirati dall'estetica atletica vecchia scuola / vintage. In parte perché era quello che ci piaceva e volevamo indossare, in parte perché era tutto ciò che eravamo in grado di progettare. Anche se Marcus è un designer, e abbiamo designer nel team, non si considerano artisti, quindi la grafica pazza non ha mai fatto parte della rotazione. Per quanto riguarda la vita all'aria aperta, viviamo in Oregon. Fa parte del DNA di ogni Oregonian. Non avevamo scelta di non far parte dell'ispirazione. Il motivo per cui gestisce il negozio è però la comunità. Mani giù.

Come si è evoluto il marchio nel tempo? Ti sei mai orientato in termini di direzione o sei stato chiaro su quella direzione sin dal primo giorno?

È stata davvero una direzione chiara fin dall'inizio. Per le persone che mostrano il loro orgoglio a Portland e indossano il loro legame con la città. Che siano di qui, abitavano qui, vogliano vivere qui o stiano visitando. È facile per Portland rubare i cuori delle persone e vogliamo che tu possa andartene indossando un pezzo di questo. Anche se lo sapevamo, non ci siamo mai resi conto del tipo di comunità che sarebbe stata creata. Per quanto sciocco possa sembrare un sacco di volte, pensiamo a noi stessi come a un marchio di eventi / comunità che vende abbigliamento. Cerchiamo sempre di organizzare eventi gratuiti, far sentire le persone benvenute e partecipare al maggior numero possibile di eventi in città. Abbiamo creato delle fantastiche relazioni con le persone a questi eventi e impegni della comunità parlando con le persone che entrano e ascoltando le loro storie condividendo lo stesso orgoglio per la nostra città. L'abbigliamento è un'estensione di tutto ciò ed è incredibile da vedere.

Vorrei parlare del tuo processo di crescita. Qual è stata la cosa più importante che è stata responsabile della trazione iniziale e del successo del tuo marchio?

Innegabilmente la pagina @portland. Il tempismo di tutto era enorme. Instagram era agli inizi prima che brand e influencer capitalizzassero l'app. Riuscire a promuovere il marchio a centinaia di migliaia di persone che hanno amato la città di Portland prima di tutti gli algoritmi e la saturazione. Onestamente penso che se questo fosse accaduto in un altro momento, anche per un anno o due, non avremmo avuto il successo che abbiamo avuto.

Hai mai avuto l'esperienza in cui hai fatto un passo indietro e hai visto il tuo successo e hai pensato "ehi ce l'abbiamo fatta"?

Per circa un anno e mezzo, abbiamo venduto la nostra merce esclusivamente online e dal nostro iconico autobus. Siamo stati in grado di acquistare un furgone VW Westfalia del 1973 come tributo a Phil Knight (il nostro eroe) che ha fondato Nike allo stesso modo. Andavamo alle fiere di strada e aprivamo negozi in giro per la città in quella cosa. Le persone chiedevano sempre dove fosse il nostro negozio e abbiamo deciso che dopo un certo punto avremmo dovuto aprire un negozio di mattoni e malta. Nel marzo del 2016, abbiamo finalmente aperto uno proprio accanto al Providence Park (dove suonano i Timbers and Thorns) e avevamo una fila lungo l'isolato che aspettava di essere aperta. Quello è stato un momento davvero speciale.

Quali sono stati gli ostacoli che hai incontrato dopo aver ottenuto la trazione iniziale? Come hai superato i tuoi primi ostacoli?

Siamo stati molto fortunati a non aver incontrato grossi ostacoli. Certo, ci sono state cose qua e là. Abbiamo sempre cercato di essere aperti e onesti con noi stessi e con i clienti, tenendo conto di eventuali errori ed essere il più trasparenti possibile in tutte le situazioni e questo ha sempre funzionato a nostro favore.

Come ti sei avvicinato alla strategia di crescita del tuo marchio? Come si è evoluta la tua strategia nel tempo? È stato un processo molto formale o hai tirato i pugni quando sono arrivati?

Abbiamo sempre fatto cose basate sui sentimenti viscerali. Ovviamente ci sediamo e parliamo seriamente di idee e di hash attraverso di esse, ma molto raramente abbiamo una strategia fisica che viene scritta. Facciamo le cose quando ritengono giuste o abbiamo raggiunto la nostra larghezza di banda. Abbiamo lanciato il marchio sulla pagina @portland e abbiamo riscontrato il successo molto presto. Abbiamo venduto online solo fino a quando le persone hanno iniziato a chiedere dove potevano trovarci di persona per toccare e sentire i vestiti. Così, Marcus e io abbiamo iniziato a fare pop-up o fiere di strada ogni volta che potevamo. Non eravamo ancora pronti per un negozio. Poi le persone hanno chiesto dove potevano trovarci in modo coerente, così abbiamo aperto il nostro negozio di mattoni e malta. Marcus e io abbiamo lavorato nel negozio ogni singolo giorno per 6 mesi fino a quando non abbiamo potuto più farlo e abbiamo assunto il nostro primo designer a tempo pieno, Mack. Quindi divideremmo il tempo tra il negozio e l'ufficio. Quindi abbiamo aggiunto solo un quarto dipendente quando era assolutamente fondamentale per far crescere il marchio. Indossiamo tutti più cappelli per assicurarci che le cose vengano fatte e nessuno è al di sopra di lavorare nel negozio, portare fuori la spazzatura ... Detto questo, non credo che avremmo cambiato nulla. È così che abbiamo imparato tutti a lavorare sodo e capire di più il marchio. Seduto in negozio ogni giorno, puoi avere una grande prospettiva su ciò che piace, non piace e ascoltare i loro suggerimenti. Abbiamo appena compiuto 5 anni e ora ci stiamo rendendo conto che siamo un marchio e un'azienda molto più grande di noi, iniziamo a mettere su carta alcune di queste cose e inventiamo piani a lungo termine per crescere e scalare.

Puoi dirci qualcosa in più sulle strategie di servizio clienti che utilizzi sia online che offline? In che modo il tuo approccio differisce in negozio rispetto a quello online?

Ci siamo resi conto abbastanza presto che andare oltre in quella categoria avrebbe aiutato a costruire la nostra base di clienti. Basta essere genuini e autentici quando qualcuno si presenta per la prima volta e sperimenta il marchio, creare quel legame personale con loro è dove inizia. Raccontare loro la storia di Portland Gear, aiutarli nel processo di acquisto, essere sinceramente interessati alla persona. Quando il cliente se ne va, dicevamo che vogliamo sapere da dove viene, a cosa è interessato e cosa sta facendo per il resto della giornata. Creare clienti per tutta la vita fin dall'inizio e poi farli raccontare ai loro amici attraverso il passaparola è così prezioso per noi (E conveniente). La cosa fantastica è che questo non è mai forzato. È solo nel nostro DNA e ci assicuriamo che sia lo stesso per tutti i dipendenti che assumiamo. Quindi, per quanto riguarda l'online, è necessario assicurarsi di ottenere il pacchetto rapidamente e correttamente e, se mai dovesse verificarsi un problema, lo risolviamo immediatamente. In breve, assicurandomi che l'esperienza del cliente sia piacevole e divertente e che vada sempre al di là. Non credo che tu abbia bisogno di tutti i piani dettagliati in atto, ma avere valori fondamentali e uno schema è assolutamente necessario. Essere disposti ad adeguarsi col passare del tempo perché vedere cosa funziona meglio è la chiave ed è ciò che rende le piccole imprese così divertenti. Siamo persone piuttosto ottimiste e fiduciose, quindi trarremo il massimo da ogni situazione e la renderemo migliore di quanto avevamo pianificato inizialmente.

Quale canale di marketing online ha funzionato meglio per te?

Instagram. Ancora una volta, è stata la nostra linfa vitale. Anche andando a pop-up. Come ho detto prima, cerchiamo di partecipare al maggior numero di eventi possibile, il che ci offre una grande opportunità di raccontare la nostra storia ancora e ancora. Sebbene molti non siano i più efficienti, è anche il modo più genuino che abbiamo trovato per creare clienti e fan del marchio.

Quali canali di crescita online si sono dimostrati meno efficaci per il tuo marchio?

Onestamente, molti strumenti di marketing tradizionali non hanno avuto il successo che volevamo. Abbiamo provato ad assumere un aiuto esterno per il social media marketing, il targeting degli annunci, le società di PR ma non abbiamo mai trovato un ROI elevato su questi. Abbiamo scoperto che continuare a promuovere noi stessi su Instagram oltre a creare connessioni di persona con i clienti è dove vediamo il maggior successo.

Come hai detto, Instagram è stato di fondamentale importanza per il successo del tuo marchio. Come hai costruito il tuo seguito IG? Crei strategicamente contenuti con uno scopo in mente? Se è così, qual è il pensiero dietro le tue strategie?

Come accennato in precedenza, la pagina @portland è stata davvero parte integrante di tutto questo. La promozione di @portlandgear attraverso quella pagina e la promozione incrociata di @portland sulla pagina @portlandgear ha reso le due pagine davvero complementari l'una all'altra. Pubblicare due volte al giorno su @portland e una volta al giorno su @portlandgear aiuta a mantenere i follower coinvolti senza che ne pubblichiamo di nuovi. Puoi aspettarti qualcosa di nuovo ogni giorno da entrambe le pagine. Cerchiamo di rilasciare prodotti ogni 1-2 settimane e pianifichiamo piccoli servizi fotografici per loro. Quindi cerchiamo di avere 4 grandi cali stagionali durante l'anno in cui dedichiamo molto tempo e impegno. Ci rendiamo anche conto che le persone non vogliono vedere solo abbigliamento, quindi proviamo a inserire alcune cose personali. Siamo persone divertenti e stupide e ci piace postare cose su di noi. Uno, perché è proprio quello che vogliamo pubblicare e due aiuta a creare una connessione con i nostri follower quando possono dare un volto a qualcosa e ci fa sentire più reali. È piuttosto bello avere persone che entrano nel negozio con la sensazione di conoscerci già in qualche modo: aiuta a creare una relazione solida.

È chiaro che Portland Gear non è in attività solo per vendere. Fai un sacco di contatti con la comunità e progetti collaterali divertenti con altre attività locali. Un esempio è il tuo programma chiamato "Brand Camp", che è uno stage estivo per ragazzi delle scuole superiori e dei college per imparare affari. Hai anche collaborato con un birrificio locale per creare una nuova birra e stai chiedendo ai tuoi follower di votare e aiutare a nominarla. Tutte cose molto interessanti. La creazione o la partecipazione a eventi come questo è stata una decisione di marketing consapevole? In che modo l'hai visto influenzare la tua attività?

La comunità è quasi più importante per noi del prodotto stesso. Permettere agli altri di far parte di questo viaggio con noi significa tutto. Brand Camp è nato inizialmente da studenti che chiedevano se potevano fare uno stage con noi. Non avevamo il carico di lavoro per uno stagista a tempo pieno, quindi avremmo avuto dei bambini che venissero per un giorno a seguirci. Per quanto fantastico fosse, non era fattibile con le numerose richieste. Abbiamo pensato "come possiamo restituire a più bambini contemporaneamente"? Quindi, abbiamo riservato una settimana in estate per insegnare loro tutto ciò che sappiamo! Ora sarà al suo quarto anno quest'anno con 2 diversi campi, una settimana ciascuno, con l'Università dell'Oregon come nostro sponsor principale per il programma.

Per quanto riguarda la birra, se riusciamo a creare una birra che dovrebbe rappresentare Portland, ovviamente avremo le persone che ci aiutano a realizzarla! Organizziamo anche giornate di volontariato e invitiamo la comunità a unirsi a noi, ospitare eventi sociali gratuiti e organizzare cose come la "Passport Challenge", una caccia al tesoro in tutta la città. Questa comunità ci ha aiutato a diventare il marchio che siamo, quindi più possiamo coinvolgere tutti, meglio è. Le persone vogliono sentirsi parte di qualcosa e siamo fortunati ad avere la piattaforma per dare alle persone questo compito.

Sono tutte idee davvero interessanti. Tuttavia, la creazione di un programma come Brand Camp è fattibile per altri proprietari di piccole imprese di e-Com? In caso affermativo, come dovrebbero affrontarlo?

Sicuro! Ce l'abbiamo fatta! C'era un mercato per questo e le persone lo chiedevano più o meno, quindi l'abbiamo reso realtà. Crealo e mettici la tua svolta. Direi che è quasi più facile come piccola impresa fare qualcosa del genere. Essendo una piccola squadra, è così incredibile dire: "Ehi, ho un'idea per questo", e poi parliamo dell'idea come gruppo e poi la implementiamo. Non c'è nessuna burocrazia da seguire. Può sembrare banale, ma onestamente essere autentici, genuini e comprendere il cliente e la comunità è COSÌ fondamentale. Quindi per noi è stato creare Brand Camp. Per i tuoi affari, scopri cosa risuona nella tua comunità.

Durante il viaggio, hai mai subito molte battute d'arresto o hai pensato di non farcela?

Siamo stati molto fortunati a non esserci mai imbattuti in quel problema e non abbiamo mai pensato di gettare la spugna. Siamo molto fortunati a lavorare ogni giorno e creare abbigliamento per una comunità che amiamo. Portland è un luogo in crescita e in continua evoluzione e spero di crescere con esso per molti anni a venire.

Grazie mille per aver dedicato del tempo a chattare con ConveyThis oggi Eli. Lo apprezziamo davvero. Molti dei nostri blog e-Com i lettori sono attualmente in procinto di ridimensionare i loro negozi di e-commerce, quindi approfondimenti come quelli che hai fornito sopra possono aiutarli ad andare da dove si trovano a dove vogliono essere. Ai lettori del nostro blog, se desideri saperne di più su PortlandGear puoi farlo seguiteli su Instagram o controlla il loro sito web Qui

Autore

Alex Buran

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *